Come scegliere il broker per opzioni binarie

Quali sono i criteri da seguire per scegliere il broker per fare trading con opzioni binarie?

 

Rendimento offerto

La scelta del broker deve essere fatta in base al rendimento delle opzioni binarie offerte?

Certo, più alto è il rendimento meglio è.

 

Bonus di benvenuto

La scelta del broker deve essere fatta in base al bonus di benvenuto?

Noi diciamo di no.

Come leggerai più sotto, la concessione del bonus da parte del broker implica una serie di condizioni restrittive prima di poter prelevare il proprio denaro.

Quindi leggi attentamente la sezione relativa al bonus.

 

Numero di assets

La scelta del broker deve essere fatta in base al numero dei sottostanti offerti dal broker?

Certo, maggiore è il numero di assets meglio è.

Iin particolare per un italiano è importante che vi siano opzioni su indici ed azioni italiane.

 

Tipo di opzioni binarie offerte

La scelta del brokers deve essere fatta in base al tipo di opzioni binarie offerte?

Certo, avere a disposizione il Tocca/Non tocca e il Sopra/Sotto è meglio che non avere solamente l’opzione Alto/Basso.

Lo stesso si può dire se sono disponibili le ultime novità, come le opzioni cosiddette turbo (dai 30 secondi) e strumenti avanzati quali l’option builder o option+, il roll-over, il double-up ed il close now.

Ma ormai quasi tutte le piattaforme offrono un’adeguata varietà di strumenti.

 

Sede legale

La scelta del brokers deve essere fatta in base alla sede legale del broker?

E' certamente rassicurante sapere che il broker ha sede legale negli Stati Uniti o in UK dove la regolamentazione dei broker di strumenti finanziari è maggiormente efficace.

 

Velocità dei prelievi

La scelta del broker deve essere fatta in base alla possibilità di fare prelievi quando voi, clienti, lo ritenete opportuno, in qualsiasi momento e in modo immediato e veloce?

Decisamente SI.

 

Ma vi sono due fattori da tenere maggiormnete in considerazione rispetto agli altri:

- la regolametazione del broker;

- la presenza di Terms & Conditions oneste ed equilibrate, che non siano cioè a sfavore del trader, o addirittura ingannevoli.

 

1) Regolamentazione broker

Premesso che non esiste una regolamentazione specifica per opzioni binarie, il fenomeno di regolamentazione si è notevolmente evoluto.

La prassi più seguita dai broker di opzioni binarie è quella di cercare una licenza CySEC abbinata preferibilmente ad una licenza di uno degli stati membri dell'Unione Europea, come l'FCA per il Regno Unito e la Consob per l'Italia.

 

Binary Option Italia promuove unicamente broker regolamentati, per la maggior trasparenza e per le maggiori garanzie a favore dell'investitore che la regolamentazione richiede ai broker.

 

2) Tipologia di opzioni binarie

Altro elemento da considerare per la scelta del broker è il tipo di opzioni binarie che lo stesso broker offre.

Per approfondire l'argomento, leggi questo articolo.

 

Due note molto importanti

Nota 1 - Le opzioni “One Touch” o “Tocca”, che danno la possibilità di scegliere il “Tocca” ma non il “Non-Tocca”, sono per definizione a favore del broker.

Solo se il broker offre l’opzione nelle due versioni Tocca e Non Tocca, sullo stesso bene e agli stessi prezzi limite, allora l’algoritmo della piattaforma è per forza di cose equilibrato, dovendo cioè proteggere il broker sia dal Tocca che dal Non Tocca.

In altre parole, solo in tal caso i prezzi obiettivo superiore ed inferiore sono bilanciati.

Se invece il broker offre solo l’opzione Tocca (spesso chiamata One Touch), allora vi è una probabilità molto alta che la piattaforma abbia posto il prezzo obiettivo (sia superiore che inferiore) abbondantemente lontano dal prezzo di mercato (anche se non eccessivamente lontano per non allontanare l’investitore), rendendo statisticamente molto difficile il trade del cliente.

Il rendimento molto elevato (fino a 360%!) è a nostro avviso solo un modo per attirare l’investitore in operazioni statisticamente improbabili.

Nota 2 - Il sito del broker dovrebbe sempre riportare i prezzi di chiusura dei sottostanti relativi alle scadenze precedenti.

Questo per poter avere un confronto tra il prezzo dei beni alla scadenza dell'opzione e riportato dal broker e il prezzo dei principali data provider del settore (Thomson Reuters, , Blomberg, per intenderci), facilmente reperibili a costo zero.

Si tratta questo di una dimostrazione di trasparenza che ogni broker dovrebbe avere.

 

 

3) Lista dei sottostanti

Molto importante per la scelta per broker è inoltre il numero di indici azionari, di azioni, di valute e di commodities che un broker offre.

Non vi sono particolari differenze tra i broker per quanto riguarda valute, indici e commodities.

Più variegata e differente da broker a broker è invece l’offerta in termini di opzioni binarie su azioni, a seconda del mercato in cui il broker intende aumentare i clienti.

 

Solitamente è la combinazione di questi due elementi, tipi di opzioni binarie e lista dei beni sottostanti, da tenere in considerazione.

Vi sono broker che hanno una lista assets limitata ma che offrono tutti i tipi di opzione e gli strumenti più avanzati, mentre vi sono broker che offrono un’ampia gamma di sottostanti ma una varietà limitata di tipi di opzione e di strumenti avanzati; in quest’ultimo caso spesso le opzioni offerte si limitano alle opzioni Alto/Basso e opzioni One-Touch.

La scelta quindi dipende se tu vuoi concentrare il tuo trading su un numero limitato di assets, specializzandoti per così dire su alcuni di essi, ed avere a disposizione diverse modalità di trading, oppure se ti vuoi specializzare in un determinato modello di trading ma vuoi un numero elevato di sottostanti su cui effettuare le tue operazioni.

In altre parole ed esemplificando, se preferisci seguire principalmente l’EUR/USD e il Gold per cercare di acquisire la maggior sensibilità possibile su questi due strumenti, ti interesserà un broker che offra il maggior numero possibile di tipi di opzioni e di strumenti avanzati, indipendentemente dal numero di assets offerti.

Se invece decidi di seguire ad esempio l’incrocio delle media mobile o il MACD, ti interesserà avere a disposizione il maggior numero di sottostanti su cui poter valutare se le condizioni del tuo modello di trading si verificano.

 

4) Rendimenti delle opzioni binarie

Altro elemento importante è il rendimento delle opzioni e l’eventuale rimborso in caso di operazioni out-of-the-money.

Il combinato di queste due percentuali deve essere il più possibile vicino al 100% per le opzioni alto/basso, tocca/non tocca ed intervallo dentro/fuori.

Ppiù si avvicina al 100%, migliori sono le condizioni per il cliente e, come vedremo nella disamina statistica delle piattaforme di opzioni binarie, minore è il valore atteso delle vincita del broker e maggiore è il valore atteso della vincita del cliente.

Per le opzioni sopra/sotto, invece, il rendimento deve essere il più possibile superiore al 100%, preferibilmente almeno il 150% per direzione, in modo da avere un combinato straddle pari al 300%.

5) Strumenti avanzati

Importante è anche la gamma di strumenti avanzati offerti dal broker: la creazione su misura dell’opzione (Option Builder), la chiusura anticipata dell’opzione, la possibilità di allungare la scadenza e di aumentare l’importo della propria posizione.

Anche la possibilità di aprire ed operare un conto in versione demo è molto apprezzata.

6) Bonus

Se il rendimento dell’opzione binaria è un elemento fondamentale, non così è a nostro avviso il bonus, la cui accettazione impone vincoli pesanti alla possibilità del prelievo.

O meglio, prima di accettare un bonus è assolutamente necessario richiedere e leggere attentamente le condizioni al broker in forma scritta, se non sono pubblicate sul sito dello stesso broker.

Un elemento che si è portati a considerare oltremodo, con il rischio di dare eccessiva importanza, è l’importo del bonus che accompagna l’apertura del conto binario e l’effettivo deposito.

Il nostro consiglio è di leggere attentamente le condizioni del bonus.

I broker, infatti, obbligano il trader ad effettuare un certo numero di transazioni o per un determinato importo complessivo (clacolato come x volte l’importo del bonus) prima che il trader possa prelevare il proprio denaro depositato.

Vedremo più avanti esempi concreti.

Rimandiamo a tal proposito all'articolo "Condizioni contrattuali" dove potrete approfondire l'argomento.

7) Terms & Conditions, ovvero le condizioni contrattuali del conto binario

Arriviamo così al punto chiave per la scelta del broker: le condizioni contrattuali.

Vista l'importanza dell'argomento, ti mandiamo all'articolo dedicato a questo tema.